Your browser does not support Javascript

Languages

Fonti energetiche rinnovabili e non convenzionali

Geotermia

Questa attività vede convergere alcuni tradizionali settori di eccellenza di OGS. Il principale è quello relativo alla geofisica da pozzo, ed in particolare alle metodologie di sismica “while drilling” (SWD) inizialmente messe a punto da OGS assieme ad ENI per la ricerca di idrocarburi e coperte dal marchio Seisbit® e da brevetti industriali congiunti OGS-ENI, adattate ed applicate da OGS per gli scopi della perforazione e dell’esplorazione geotermica. Il metodo SWD consente di ridurre i rischi di perforazione ed aumentare l’informazione geofisica nella zona del reservoir geotermico, ed è di particolare importanza per l’esplorazione di risorse geotermiche a media e medio-alta entalpia, per il monitoraggio della perforazione e lo sviluppo di sistemi di geotermia avanzata (EGS), sino all’applicazione geotermica in prossimità di zone magmatiche. OGS ritiene come attività prioritaria per il prossimo triennio:

  • l’estensione delle capacità dell’Ente alla sismica passiva per il controllo del rischio;
  • l’utilizzo di misure remote per il monitoraggio della deformazione del giacimento geotermico durante la produzione;
  • l’utilizzo di metodi gravimetrici ed elettromagnetici, meno costosi della sismica di superficie;
  • l’integrazione tra rilievi sismici di pozzo e sismica di superficie per lo studio di reservoir geotermici come nei campi di bassa entalpia per il teleriscaldamento.

 

Idrati di metano

OGS ha sviluppato per la prima volta in Italia competenze per l’identificazione e la quantificazione di idrati naturali di metano nei fondali oceanici, e la ricerca in questo campo è stata una delle attività preminenti di OGS nell’ultimo decennio. OGS ritiene come attività prioritaria per il prossimo triennio:

  • lo sviluppo e l’implementazione di metodi originali di stima quantitativa della concentrazione di idrato di metano e gas libero attraverso l’inversione del campo di velocità delle onde acustiche;
  • lo sviluppo di metodologie di indagine tomografiche in 3D che permettono la comprensione della distribuzione degli idrati rispetto alla struttura geologica.
  • lo studio della distribuzione regionale di idrati naturali di metano e la loro relazione alla struttura geologica, allo stile di sedimentazione, ed all’evoluzione climatica nelle regioni Polari e nel Mediterraneo.

 

Oil and gas shales

Le applicazioni geofisiche alla caratterizzazione di riserve di idrocarburi in oil and gas shales rappresenta la proiezione futura delle passate ricerche in campo della caratterizzazione di giacimenti convenzionali. La produzione non convenzionale di gas metano estratto con la tecnica del ‘fracking’ ha avuto un impatto importante sul mercato, avendone causato una diminuzione del prezzo del gas a livello internazionale. Si prevede di caratterizzare gli eventi microsismici durante la propagazione indotta della fratturazione in rocce argillose. La caratterizzazione verrà ottenuta attraverso un’attività di modellazione, analisi e inversione di dati di microsismicità integrati da informazioni geologiche, di logging di pozzo e di profili sismici verticali (VSP). OGS si prefigge di diventare un centro di competenza unico a livello nazionale per lo studio teorico ed il monitoraggio della micro-fratturazione delle rocce durante l’estrazione non convenzionale di gas e olio, con lo scopo di fornire pareri scientifici di massimo livello, imparziali e affidabili in previsione di una complessa regolamentazione delle attività di estrazione.