Your browser does not support Javascript

Languages

La ricerca

Obiettivi generali e strategici

OGS ritiene che, nel rielaborare la politica di ricerca e innovazione dell’Ente, debbano essere messe in atto, come indicato nei documenti comunitari Horizon 2020 e Europe 2020, azioni specifiche mirate ad affrontare le sfide cruciali della società del 3° Millennio. Al fine di non disattendere le aspettative dei cittadini-contribuenti, il sistema della ricerca deve sviluppare misure e strumenti fortemente innovativi in grado di:

  • creare opportunità di lavoro qualificato per le nuove generazioni, accelerando la transizione verso un sistema economico basato sulla conoscenza, in grado di assicurare uno sviluppo consapevole, sostenibile, inclusivo e – conseguentemente - competitività, occupazione e qualità della vita;
  • rendere il Paese più attrattivo per talenti ed investimenti, rinforzando la capacità di produrre ricerca di eccellenza in infrastrutture di avanguardia, valorizzando i giovani talenti e promuovendo la consapevolezza del valore sociale ed economico della ricerca, della scienza e della cultura nella società contemporanea;
  • accelerare la trasformazione dei prodotti della ricerca e della conoscenza in prodotti industriali e commerciali al servizio della società e delle persone, rimuovendo gli ostacoli che ritardano l’accesso ai risultati da parte dell’utenza potenziale.  

Questi obiettivi fondamentali possono essere raggiunti a patto d’integrare attori, strategie, azioni e strumenti e di prestare attenzione alla filiera utente finale-imprese-ricerca. La presenza di una filiera che copra dai risultati scientifici (ricerca) alla loro industrializzazione (imprese), alla loro utilizzazione (utenti finali), finanziariamente sostenuta in un’ottica di progetto unico, farà sì che i prodotti sviluppati entrino nelle catene operative sino agli utenti finali e quindi raggiungano rapidamente il mercato. Per sua vocazione e storia OGS ben si integra in questa visione strategica, avendo come punto di forza la capacità operativa e la prerogativa di fornire risultati responsabili e concreti nonché di natura multidisciplinare.

I tre punti precedenti costituiscono, di fatto, il nuovo paradigma della programmazione della ricerca in Europa che si espleterà nell’ambito di Horizon 2020. Per affrontare questa sfida OGS mette in campo al servizio del Paese la sua eccellenza scientifica ed operativa in settori strategici nel campo dell’oceanografia, delle scienze della terra e dell’ambiente. La definizione degli obiettivi strategici, da un lato segue in maniera naturale i campi dove OGS ha ottenuto da tempo una posizione di leadership sia nazionale che internazionale, dall’altro si rifà esattamente alle priorità già emerse a livello di organismi internazionali e nazionali quali, oltre ai già citati Programma Nazionale della Ricerca e Horizon 2020, il MDG (Millenium Development Goals) delle Nazioni Unite, i programmi ICSU (International Council for Science) e UNEP (United Nations Environment Programme).

 

Temi scientifici

In relazione alle grandi sfide di Horizon 2020, le aree tecnico/scientifiche, su cui l’attività di ricerca di OGS si concentrerà nel prossimo futuro, sono riconducibili ai seguenti cinque grandi temi:  

Ambiente e clima

Biodiversità e funzionalità degli ecosistemi

Rischi naturali

Risorse naturali

Risorse energetiche  

 

 

Sezioni di ricerca scientifiche e tecnologiche

A seguito del completamento della riforma degli Enti di Ricerca prevista dal decreto legislativo n. 213/2009 sono state costituite le nuove Sezioni di ricerca scientifiche e tecnologiche, finalizzate a migliorare il coordinamento e la collaborazione tra le varie aree scientifiche di eccellenza dell’Ente:

 

Oceanografia (OCE)

Geofisica (GEO) 

Centro Ricerche Sismologiche (CRS) 

Infrastrutture (IRI) 

 

Impatti socio-economici delle attività

Per ciascuna delle 5 aree tematiche scientifiche sono state analizzate le ricadute attese in tema di impatto sociale (scienza per la società), impatto economico (scienza per l’economia) e sulla conoscenza (scienza per la conoscenza), evidenziando i principali settori di intervento delle attività OGS.

Tabella degli impatti

 

Trasferimento tecnologico

Il trasferimento di tecnologie e competenze è un importante strumento per valorizzare e diffondere gli obiettivi e i risultati della ricerca scientifica, ed è fondamentale per lo sviluppo culturale ed industriale del nostro Paese.

OGS ha consolidati e sistematici rapporti con le imprese, finalizzati a diffondere i programmi e i risultati della ricerca ed a promuovere cooperazioni di tipo pubblico - privato.

Il trasferimento tecnologico verso il tessuto imprenditoriale, in particolare in Italia, è un obiettivo primario di alcune attività tipiche di OGS, quali quelle indirizzate verso la geofisica di esplorazione, dove l’interazione con l’industria è sempre stata storicamente forte (basti pensare che fino ad alcuni anni fa un posto nel Consiglio di Amministrazione di OGS era riservato ad un rappresentante dell’ENI).

I numerosi progetti di servizio che OGS realizza dimostrano l’attenzione dell’Ente ad investire in innovazione ed a sviluppare un approccio culturalmente aperto alla collaborazione con il comparto industriale.

In relazione ai settori high-tech, il trasferimento tecnologico e le collaborazioni tra pubblico e privato avvengono principalmente attraverso quattro canali:

1)       progetti di ricerca affidati dall’industria direttamente all’Ente;

2)       iniziative promosse dall’OGS alle quali sono chiamate a partecipare anche le imprese (come nel caso dei progetti di ricerca europei) al fine di garantire maggiore possibilità di successo in termini di effettiva applicazione industriale dei risultati di ricerca;

3)       creazione di laboratori pubblico-privati, facilitata da possibile vicinanza geografica o richiesta da specifici progetti;

4)       immissione sul mercato di conoscenze fruibili da parte di terzi (software).

In OGS il trasferimento tecnologico avviene prevalentemente attraverso le azioni di cui al primo punto dell’elenco precedente, ovvero l’industria “acquisisce”, per il tramite di contratti di ricerca, specifiche competenze di cui poi in generale detiene i risultati, determinando un trasferimento tecnologico diretto del know-how presente in OGS.

Un’ulteriore modalità con cui avviene il trasferimento tecnologico in OGS è tramite software (quarto punto dell’elenco) basati su algoritmi sviluppati nel corso di ricerche; i software sono in toto o in parte realizzati all’interno di OGS, come nel caso del software Cat3D impiegato in applicazioni di tomografia sismica. Il software Cat3D rappresenta una vera e propria piattaforma di trasferimento tecnologico dove algoritmi e procedure, sviluppate dalla ricerca condotta in OGS, vengono implementati e commercializzati per uso industriale, mentre rimane gratuito l’utilizzo per uso scientifico. Cat3D è un vero e duraturo esempio (il software nasce nel 1997) di apertura e di “exploitation” della conoscenza acquisita all’interno di OGS verso il mondo industriale.

OGS, inoltre, è presente in numerosi progetti europei dove la componente industriale compare quale partner e beneficia di un trasferimento tecnologico diretto (vedi lista dei partner industriali).

Per quanto concerne la realizzazione di laboratori pubblico-privato, questi hanno rappresentato un’importante realtà degli ultimi anni (Consorzio STEMMA, ed Airborne Remote Sensing) ma al momento non sono più operative avendo raggiunto gli obiettivi sociali. Ricordiamo che OGS è entrato nel 2012 quale socio nel Distretto Tecnologico navale e nautico - Ditenave - del Friuli Venezia Giulia.

Nel corso del triennio 2013-2015 si intende continuare con la strategia sino a qui tenuta, ovvero di investire in una politica di attenzione al trasferimento tecnologico quale mezzo importante per poter raggiungere e mantenere una posizione di competitività, sia nell’ambito del mercato nazionale che in quello internazionale. Fra i vari progetti che sono in corso di realizzazione va ricordata un’iniziativa recentemente approvata nell’ambito del Programma NSTIP (National Science Technology and Innovation Program) del governo dell’Arabia Saudita; OGS assieme alla King Fahd University of Petroleum and Minerals (Dhahran, Arabia Saudita) ed alla Entec Italiana promuoverà un progetto biennale di sviluppo di un dimostratore di un nuovo tipo di sensore sismico interferometrico.

Un ulteriore importante aspetto che verrà affrontato nel corso del 2013 riguarda il trasferimento di una tecnologia proprietaria, coperta da alcuni brevetti OGS (sismica while drilling), verso il campo della geotermia, ovvero verso applicazioni industriali legate all’approvvigionamento energetico rinnovabile.

Si auspica inoltre di poter nei prossimi anni partecipare attivamente a diversi progetti nel settore Smart Cities, attualmente in fase di presentazione, che hanno permesso di avviare nuove e significative collaborazioni con l’industria.

 

Brevetti

OGS vanta 8 brevetti legati a tematiche geofisiche, di rilievo aereo e ad applicazioni di biologia marina.

Nel corso del 2012 non sono stati depositati brevetti. Per quanto riguarda il triennio 2013-2015 è difficile fare una previsione delle eventuali proposte brevettuali che scaturiranno dalla ricerca effettuata; di certo vi sono alcune idee che sono in fase di analisi brevettale. In particolare, desta interesse una proposta legata allo sviluppo di un "data logger differenziale" con sensori di temperatura per la misura di flusso di calore nei sedimenti non consolidati. Il sistema è già uscito dalla fase prototipale, ed è stato prodotto dal laboratorio di elettronica OGS in cinque esemplari funzionanti.

 

Progetti

Progetti premiali

CO2Monitor - Sviluppo di tecniche innovative per il monitoraggio dei siti di stoccaggio dell’anidride carbonica (CO2

MedGES - Studio integrato dell’influenza dei processi fisici e dei fattori antropici sullo stato degli ecosistemi costieri e profondi del Mediterraneo Centrale

Progetti bandiera

Partecipazione di OGS al Progetto Bandiera RITMARE

 

Partecipazione di OGS al programma nazionale delle ricerche in antartide - PNRA

Principali progetti in corso

Vedi i principali progetti in corso