Your browser does not support Javascript

Languages

Rete di monitoraggio della deformazione crostale FReDNeT

OGS, sin dal 2002, si occupa dell’installazione, della manutenzione e dello sviluppo della rete FReDNet (Friuli Regional Deformation Network), il sistema di monitoraggio delle deformazioni crostali nel Friuli Venezia Giulia. L’infrastruttura è costituita da una rete di 16 stazioni permanenti dislocate in Friuli Venezia Giulia e parte del Veneto, tutte dotate di ricevitore GNSS (Global Navigation Satellite Systems) in grado di tracciare i sistemi satellitari GPS, GLONASS e GALILEO. L'infrastruttura è completata da un server centrale per la raccolta, l’elaborazione e la distribuzione di dati e risultati.

Il principale obiettivo della rete FReDNet è il rilevamento degli effettivi movimenti delle placche tettoniche nella zona di sutura friulana; detti movimenti possono dare utili indicazioni, a livello quantitativo, sulla pericolosità sismica. Quest’attività consente di integrare il dato prettamente sismologico per raggiungere una maggiore comprensione della geodinamica in atto nella regione Friuli Venezia Giulia e nelle aree contigue.

L'evoluzione continua della rete ha permesso, dal 2009, di attivare un servizio per la navigazione georeferenziata di alta precisione in tempo reale secondo le modalità più diffuse di correzione differenziale quali RTK (Real Time Kinematic), MRS (Multi Reference Station) e VRS (Virtual Reference Station). Il servizio di libero accesso è sviluppato in sintonia con le infrastrutture:

-           regionali, per l'integrazione con la rete GPS del Servizio Sistema Informativo Territoriale e Cartografia della Regione Friuli-Venezia Giulia;

-           nazionali, con l'inserimento di 4 stazioni (ACOM, UDI1, TRIE, ZOUF) della rete FReDNet nella Rete Dinamica Nazionale dell'Istituto Geografico Militare;

-           europee, con l'inserimento della stazione permanente ZOUF (FReDNet) nella rete europea EPN (EUREF Permanent Network).

Il servizio permette all'utenza pubblica, privata e scientifica, il posizionamento con precisione centimetrica in ogni luogo della Regione Friuli Venezia Giulia già durante la fase del rilievo. Tutte le informazioni riguardanti l’infrastruttura, i progetti, i servizi, i convegni, i corsi e i risultati sono presenti alla pagina web www.crs.inogs.it/frednet/.

La rete è nata grazie a fondi MIUR nell'ambito del progetto triennale “Progetto VALERIA: valutazione e prevenzione di rischi ambientali” (Decreto N. 784 Ric del MIUR d.d. 24/07/2001); i servizi in tempo reale e l’evoluzione tecnologica sono stati possibili nell’ambito del “Progetto GPS - RTK: una rete GPS per il posizionamento in tempo reale nel Friuli Venezia Giulia”, attuato con fondi regionali per la realizzazione di progetti di ricerca scientifica e applicata e di iniziative di trasferimento e di diffusione dei risultati della ricerca (art. 11 L.R. 11/2003 e art. 7 del “Regolamento per la concessione di contributi per la realizzazione di progetti di ricerca scientifica e applicata e di iniziative di trasferimento e di diffusione dei risultati della ricerca” emanato con D.P.Reg. n. 0324/Pres. del 08.10.2004) e successivamente con contributi per la realizzazione di progetti di ricerca scientifica, applicata o industriale di elevato impatto sistemico per il settore produttivo, del welfare e della Pubblica Amministrazione e di diffusione dei risultati della ricerca (previsti dall'articolo 23 della legge regionale 10 novembre 2005, n. 26 “Disciplina generale in materia di innovazione, ricerca scientifica e sviluppo tecnologico”).

Nel contesto del Progetto GPS-RTK è stata svolta oltre all’attività scientifica ed all’organizzazione di convegni scientifici, l’attività di formazione specifica e professionale con l’organizzazione di corsi pratico-teorici per i professionisti del settore (geometri, periti, ingeneri, geologi).

La prospettiva è di sviluppare e mantenere un’infrastruttura tecnologica in grado di fornire un servizio avanzato sia in campo cartografico-catastale sia in campo scientifico, anche a cavallo del confine italo-sloveno.